Ciclovia Anello della Donzella, Delta del Po

2840
Anello della Donzella: Delta del Po in bicicletta
Anello della Donzella: Delta del Po in bicicletta

Se, come noi di ibikehere, siete affascinati dalle sconfinate campagne che caratterizzano il paesaggio del Delta del Po e curiosi di conoscere singolari luoghi che sembrano senza tempo, non potete non provare ad immergervi in quest’avventura… Vi elettrizzerà sin dalla prima pedalata!

Punto di partenza: Possibilità di lasciare l’auto presso il parcheggio a fianco dell’ufficio turistico IAT nella frazione di Ca’ Tiepolo (sede comunale di Porto Tolle, provincia di Rovigo)

Lunghezza del percorso:

  • Ridotto: 60 km
  • Intero, comprendente la frazione di Santa Giulia: 68 km

Dislivello: 11 metri

Tipo di fondo: In parte sterrato e in parte asfaltato

Mezzo consigliato: Mountain bike, in quanto i tratti sterrati sono molto sconnessi. Se disponeste esclusivamente di bicicletta da strada, c’è la possibilità di pedalare senza pericolo sulla strada asfaltata che affianca l’argine sterrato, poiché il passaggio di automobili è molto raro.

Note:

  • Non dimenticate di portare con voi abbondante acqua, qualche snack energetico (consigliata la frutta, anche secca, e le barrette di cereali) e una mantellina per la pioggia.
  • Se decidete di intraprendere quest’itinerario nel periodo estivo, tenete conto del fatto che i punti d’ombra sono quasi totalmente assenti. Quindi vi consigliamo di tenere sempre la testa riparata, di spalmarvi abbondante crema solare e di indossare un costume per un eventuale tuffo rinfrescante.
  • Presenti ristoranti e bar in località Barricata e Scardovari.

Il giro che vogliamo proporvi è da percorrere in senso antiorario. Saliti sull’argine, l’itinerario inizia voltando a sinistra, pedalando per un breve tratto lungo il ramo del Po di Venezia, per poi accostarsi al Po di Donzella, da cui il nome della ciclovia.

Da subito vi troverete nella quiete della campagna, tra verdissime e sommerse coltivazioni di riso e dorati campi di frumento. Dopo aver attraversato il ponte di Santa Giulia ed aver scelto se svolgere il percorso intero o con la più breve deviazione, pedalerete con l’azzurro del mare alla vostra destra: sarete nell’insenatura detta Sacca di Scardovari. Le tipiche casette da pesca vi accompagneranno per un lungo tratto di costa, tra tamerici, pontili e imbarcazioni. Qui potrete conoscere da vicino lo svolgersi della vita lavorativa dei pescatori di cozze.

Per una sosta di relax potrete fermarvi all’Oasi di Ca’ Mello, una pineta così pacifica da essere degna del nome che porta.

Al termine della Sacca, presso il Lido di Barricata, i depositi dei pescatori lasciano il posto ad un impeccabile villaggio turistico. Questo, nel periodo estivo, pullula di turisti soprattutto stranieri. Ed ecco spiegato il motivo per il quale vi consigliamo il senso di percorrenza antiorario dell’anello: per rigenerarvi con un piacevole tuffo nelle acque cristalline di questa isolata località balneare, nel caso in cui vi troviate nella stagione più calda.

La vostra vista sarà in parte occupata dal porto durante i 20 km che vi separano dalla conclusione dell’itinerario.

Desideriamo avervi incuriositi con questo racconto su questa meravigliosa ciclabile, che noi portiamo nel cuore e che consideriamo una delle più belle del Veneto.